Top Ad unit 728 × 90

5 programmi di Real Time che non puoi non guardare!

Tutte le GIF presenti in questo articolo sono state prese da [QUI]
Real Time è andata on air per la prima volta su Sky lo scorso 1^ settembre 2005 e io già in quel periodo cercavo di beccare qualcosa di straforo su internet (il satellitare era ancora qualcosa d'élite all'epoca). Il 1^ settembre 2010, la rete "al femminile" del gruppo Discovery Italia ha fatto il grande passo di approdare anche sulla neonata piattaforma free del Digitale Terrestre, con produzioni assolutamente nuove ed originali per chi era solito guardare i programmi delle prime sei reti generaliste. Da quel giorno Real Time ne ha fatta di strada...

Oggi - 1^ settembre 2015 - Real Time spegne cinque candeline. Mi sembra d'obbligo celebrare questo evento con un piccolo post dedicato: un elenco dei cinque programmi della rete che proprio non puoi assolutamente perderti.

1. Ma come ti vesti?
"Ma come ti vesti?": chi l'avrebbe mai detto che il titolo di un programma tv sarebbe diventata una frase di uso comune in lungo e in largo per lo Stivale? Eppure è così. Le mirabolanti avventure di Enzo e Carla sono diventate - stagione dopo stagione - la versione contemporanea della favola di Cenerentola: da povera stracciona a principessa di classe. Anzi, di buongusto. 


2. Il Boss delle Cerimonie
Real Time ha conquistato il favore di molti affezionati telespettatori rilanciando in Italia un tipo di format che tutti sottovalutavano: il docu-reality. E fra i docu-reality più di successo c'è senz'altro "Il Boss delle Cerimonie": il primo programma di produzione originale della rete esportato anche all'estero, con i sottotitoli. Per mesi e mesi non si è parlato d'altro sul web: per via dei protestanti campani che non volevano essere ritratti in quel modo, per le frasi cult (ancora sento risuonare "managgiament" nelle mie orecchie), per il fenomeno culturale che più o meno indirettamente Don Antonio ha portato sul piccolo schermo ma soprattutto perché mixa il divertimento ai fiori d'arancio. 

3. Bake Off Italia
Real Time è riuscito a stravolgere persino l'amatissimo mondo dei talent show con una sua chicca, una ciliegina: Bake Off Italia. La versione UK fa ascolti direttamente paragonabili a quelli che fanno i Mondiali di Calcio da noi in Italia, dunque vien da sé che una rete al passo coi tempi se ne accaparri subito i diritti. Per la prima volta un talent show ha portato in tv giudici non cattivi, non perennemente accigliati... e il risultato è stato assolutamente positivo.  Ernst Knam e Clelia D'onofrio sono severi ma mai cattivi. Persino la pasticciona Benedetta Parodi ha trovato la sua identità: consigliera con i concorrenti coetanei (o più maturi), mamma per gli aspiranti pasticcieri più giovani. E poi... a chi non piacciono i dolci?


4. Cerco  / Vendo casa disperatemente
"Che lavoro vuoi fare da grande?" si chiede sovente ai bambini in tenera età. Molti rispondono il calciatore, la ballerina, il pompiere o la maestra. Io - che già crescevo a pane e The Sims - per un breve periodo sognavo di diventare arredatore d'interni, di costruire case, di buttare giù muri per fare gli open space. Poi son cresciuto e mi sono reso conto che faccio fatica ad abbinare la carta da parati al resto della casa... Detto questo: non potendoci permettere case da sogno, il format con Paola Marella ci porta alla scoperta di case che mai ci saremmo sognati di visitare: dalle masserie ristrutturare alle case in Grecia vista mare. Per uno come me che vorrebbe trasferirsi da anni in un'altra città, ogni episodio è come un mantra: è un sogno realizzabile, ce la si può fare. Magari senza andare troppo "fuori budget".

5. Fuori Menù
Non mi vi bastano i talent, i docu-reality o le case da sogno? Real Time c'ha provato anche con alcuni game show piuttosto fuori dalle righe. "Fuori Menù" è quello che più mi è piaciuto: due brigate di cucina e sala comandate da due conoscenti e chi raggiunge il maggior incasso vince tutto. Una idea semplice ma al tempo stesso declinabile in vari modi: studendi vs docenti, mamme vs papà, genitori vs figli... le combinazioni sono infinite. Il programma regge così bene che persino le prime stagioni sarebbero tutt'ora attualissime e meritevoli di una replica. Real Time, pensaci.

Ho dimenticato di inserire colonne portanti come Buddy Valastro, Gordon Ramsay (che senza Real Time non avremmo mai conosciuto) ma anche Csaba e Barbara Gulienetti e il suo mitico "Paint your life". La programmazione è troppo vasta e solo uno stolto non riconoscerebbe in Real Time quel guizzo di innovazione che ha portato in tv. 

Ora tocca a voi: quali sono i vostri 5 programmi  preferiti di Real Time? 
5 programmi di Real Time che non puoi non guardare! Reviewed by Gigi Gx on 12:47 Rating: 5

Nessun commento:

All Rights Reserved by il Gì Pensiero © 2014 - 2015
Designed by Themes24x7

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.