Top Ad unit 728 × 90

Festival di Sanremo 2013: Seconda serata 13 febbraio


Oggi ho poco tempo per fare il riassuntone della seconda serata di Sanremo quindi cercherò di fare un riassunto sbrigativo-sbrigativo senza troppi voti o approfondimenti. La serata è stata sicuramente più attiva della prima: più canzoni, più ospiti parlanti, più momenti comici, più di tutto 'nZomma.

Sulle varie canzoni in brano della sezione Campioni è impossibile soffermarsi sugli Elio e Le Storie Tese e i loro due brani (ahimè mozzati a uno): Dannati Forever e La Canzone Mononota. Pezzi di grido per la seconda serata, così arzigogolati e fuori dagli schemi che chi li ha apprezzati ha sentenziato "geniale" e chi li ha odiati ha detto "squallidi"... però stamattina se la canta nella mente. << La canzone mononota, una canzone poco nota... ♪♫ >>


Ottima uscita anche quella della battezzata Annalisa Scarrone che ha finalmente portato due brani spensierati. Io oggi mi sono alzato dal letto con "Scintille" (no, non sono un robot:è il titolo della canzone della figlia di Amici). Decisamente fuori forma Malika Ayane che, fino a qualche mese fa ci viziava con allettanti brani come Tre Cose.

Bar Rafaeli: ok, sei una strafiga ma... a parte quello non sei nemmeno capace a fare due rulli sulla batteria. Soldi buttati, per quanto mi riguarda. Filippa Lagerback tutta la vita. Un po' così-così la partecipazione dell'ex-premier dame Carlà Bruni. Ottimo Asaf Avidan che ha concesso addirittura il bis (c'è ne fossero....).

L'apertura del 13 febbraio è stata affidata a Beppe Fiorello e al markettone alla fiction su Domenico Modugno: nobile il gesto ma ho preferito di più Giuseppe Verdi del giorno prima, sinceramente. Sarà che iil cognome "Fiorello" non lo posso digerire. 

Sezione Giovani: passi la vittoria dei Blastema ma quella il brano di Renzo Rubino non si poteva sentire. Comprendo la causa nobile ma, davvero, avrei preferito di gran lunga Il Cile. Della Irene Ghiotto invece non ho ascoltato molto visto che ero ipnotizzato dal tessuto del suo vestito che sembrava un mix fra il divano della Zio Concetta e la tovaglia per i pic-nic.

Fabio Fazio continua a dimostrarsi un ottimo imitatore (dopo Bruno Vespa, ieri ha fatto paro-paro Piero Angela) ma soprattutto un discreto conduttore/direttore artistico: non ho mai visto un festival così poco attaccabile. Splendida la Littizzetto: un peperino. Peccato sia vestita sempre molto male.

Vediamo che ci riserva la puntata di San Valentino.
Il Gì Pensiero finisce qui. 




Festival di Sanremo 2013: Seconda serata 13 febbraio Reviewed by Gigi Gx on 12:55 Rating: 5

Nessun commento:

All Rights Reserved by il Gì Pensiero © 2014 - 2015
Designed by Themes24x7

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.