Top Ad unit 728 × 90

“Se non c’è spazio per voi: Createvelo!”

Oggi voglio parlare della storia di qualcuno che la storia la vuole scrivere.
Di quel qualcuno che se n'è sbattuto le palle dei giudizi attorno a lui ed ha deciso di fare ciò che era bene per se e per la comunità, anche se andava contro la maggior parte della gente.


Sto parlando di El-Farouk Khaki, un ragazzo musulmano omosessuale che ha sentito la necessità di formare una propria comunità e creare una moschea in modo da dare il benvenuto a persone di qualsiasi orientamento sessuale. Khaki è un attivista di lunga data nel mondo musulmano e comprendeva che c’era bisogno di un posto per le persone non etero dopo il tragico evento dell’11 settembre 2001 visto che i fedeli dell’Islam da quel momento devono combattere quotidianamente contro discriminazioni e i  pregiudizi a causa del terrorismo addossato a chiunque credi in Allah.


Infatti spesso i suoi discorsi vertevano su questa linea:
Ho scoperto che non c’è molta comprensione per chi si sia apertamente musulmano e gay dichiarato… Molti musulmani rinunciano alla loro religione (che riconosce l'omosessualità come un peccato) perché sentono che per loro non c’è spazio perdendo la loro spiritualità. Mi sono stancato della gente che dice: “Abbiamo bisogno di spazi per noi!”. Io gli rispondo: “Se non c’è spazio per voi, Createvelo!”.
Ed infatti lui ha fatto così: Khaki, fidanzato e amico in comune al seguito hanno fondato El-Tawhid Juma Circle, il primo luogo di culto islamico creato per tutte le identità e orientamenti sessuali.Ogni settimana, persone provenienti da tutto il mondo si uniscono al gruppo di preghiera anche tramite Skype per condividere la Khutbah e seguire il rito del el-Tawhid Juma Circle. Oltre al servizio di Voip, anche i social network sono stati una manna per la diffusione di questo movimento religioso visto che prima del suo avvento i musulmani gay vivevano la loro situazione in completo isolamento: adesso con il web è molto più semplice formare una community che può estendersi anche a livello mondiale.


Il ragazzo, felice del successo ricevuto visto che si sono creati altri due luoghi simili ad Atlanta ed a Washington, ha commentato la notizia con: "Dopo tutto, se Facebook può aiutare ad organizzare rivoluzioni nelle piazze di tutto il mondo, sicuramente sarà in grado anche di organizzare rivoluzioni nei cuori della gente."


Dite che in Italia un giorno si riuscirà a sconfiggere il regime totalitario che la Chiesa ci impone?
“Se non c’è spazio per voi: Createvelo!” Reviewed by Gigi Gx on 00:25 Rating: 5

Nessun commento:

All Rights Reserved by il Gì Pensiero © 2014 - 2015
Designed by Themes24x7

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.