Top Ad unit 728 × 90

Maschere... e niente più.

Pirandello affermò nei suoi testi letterari il concetto che ogni uomo decide di indossare una maschera mostando agli altri solo quello che vuole mostrare o, peggio ancora, facendo vedere a coloro che guardano, solo quello che vogliono vedere.

Inoltre sosteneva che l'uomo spesso non indossa una maschera scelta da lui, bensì una scelta da coloro con i quali entra in relazione. Ciò indurrebbe gli uomini a "recitare" la parte della maschera indossata, costringendoli ad una vita vuota e falsa, ma soprattutto triste.

A scuola ci hanno sempre insegnato questo, ma cosa significa, nella vita quotidiana, portare una maschera?
Apparire aggressivi quando in realtà si è docili come agnellini?
Apparire docili come agnellini quando in realtà è totalmente il contrario?

E se tutti indossiamo delle maschere, possiamo dire di non aver mai vissuto una vita sincera: ci rapportiamo agli altri in modo da non ferirli e reprimiamo il nostro essere. Allo stesso tempo (si spera) che l'interlocutore dall'altro lato faccia altrettanto. Il classico "rispetto da buon vicinato".

E se provassimo a togliere queste maschere? Credo che ormai, avendo vissuto per molto tempo con la maschera addosso, potremmo essere giudicati male, visti male e magari alienati di più di quanto già a volte non lo siamo.

[Ci sto mettendo troppo a scrivere un post: non è da me, le cose devo essere scritte di getto, sennò non sono vere. Non sono sentite.]

La società ormai non è altro che un ricettacolo di tranelli e le persone che la compongono ne sono la punta di diamante. Lo so, è un pensiero molto pessimista sulla vita, però che volete farci, oggi tira così.
Dopo tutto, sono solo Maschere... e niente più.


Il Gì Pensiero finisce qui.
Maschere... e niente più. Reviewed by Gigi Gx on 01:10 Rating: 5

Nessun commento:

All Rights Reserved by il Gì Pensiero © 2014 - 2015
Designed by Themes24x7

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.