Top Ad unit 728 × 90

Outing Forzato per Ristabilire la Giustizia nel Paese (?)

E' uno degli argomenti più chiacchierati della settimana in concomitanza con lo scandalo Arcuri & Berlusca (l'ennesimo scandalo X & Berlusca): stiamo parlando della pubblicazione della famosa lista che annuncierà via web i nomi dei politici, prelati e personaggi del mondo dello spettacolo che sono gay ma non lo ammettono (e magari si esprimono anche contro).

La prima delle liste che hanno programmato verrà postata sul blog il 23 settembre alle ore 10.00 (il blog è http://listaouting.wordpress.com) ed al momento sulla home è postato il seguente messaggio:
Questa iniziativa nasce per riportare un po’ di giustizia in un paese dove ci sono persone (che) non hanno alcun tipo di difesa rispetto agli insulti e gli attacchi quotidiani da parte di una classe politica ipocrita e cattiva. L’outing (termine che viene usato in modo sbagliato dai giornalisti italiani che sono in molti casi ignoranti e pigri) è uno strumento politico duro ma giusto. In cosa consiste: dichiarare pubblicamente la pratica omosessuale o di altre differenti sessualità di politici (single, sposati, conviventi), preti, persone note e influenti, che attraverso azioni concrete e prese di posizione offendono e discriminano le persone gay, lesbiche e transessuali. Il primo elenco che pubblichiamo, altri ne seguiranno nei prossimi mesi e anni, è composto da 10 politici. Disponiamo dei nominativi di una decina di alti prelati, di altre personalità del mondo dello spettacolo e della tv. Abbiamo deciso di iniziare con questi primi dieci nomi per far comprendere chiaramente come nel Parlamento italiano viga la regola dell’ipocrisia e della discriminazione. I politici di cui conosciamo le vere identità sessuali sono molti altri, presenti in tutti i partiti, per ora ci limitiamo a pubblicare un estratto di quelli appartenenti ai partiti che hanno votato contro la legge sull’omofobia. Da ora in poi quando avverranno attacchi nei confronti della comunità lgbt da parte della gerarchia cattolica, del mondo dell’informazione, della politica, ci riserveremo la facoltà di rispondere adeguatamente.

 Ok, ammetto che il metodo è molto brusco però potrebbe andar bene per far rispettare quella parolina magica che ormai pochi italiani prendono in considerazione: Coerenza. E sì, perché mancano di coerenza tutti questi buonisti che si nascondo dietro un dito quando tutti coloro che sono nell'ambiente sanno ma non dicono. Infatti, la prima cosa che mi son chiesto quanto ho scoperto questa storia è stato:"... Ma perché aspettare fino al 23 settembre?" e poi a seguire "A chi vogliono aspettare? Vogliono semplicemente far cagare in mano qualcuno o forse c'è un ricatto in corso?".
Lo so, adesso mi darete del complottista, del fumato o di non-so-cosa però secondo me non sarebbe da sottovalutare come riflessione.

Un'altra cosa che mi ha colpito molto è che proprio in quest'anno si sta diffondendo tantissimo la lotta contro la cattiva politica via blog e social network: c'è ancora il caso aperto di Spider Truman, no?
E questo è un buon segno: vuol dire che una fetta di popolazione si sta civilizzando come si deve (con questo non voglio dire che tutta la politica è male, però almeno si prende più coscienza della situazione che stiamo vivendo).  Per lo meno questo è uno dei motivi per i quali tutti gli anti-facebook-iani non possono parlarne male.

Prima di concludere, ci terrei a dire che uno YouTuber con più di 100Mila fan su Facebook ha dichiarato che "sono pesantemente omofobo... meglio essere arretrati come mentalità che froci."
Sapete... Anch'io voglio lanciarVi una sfida: dite che il 23 settembre ci scappa una YouTubbite Acuta?

Il Gì Pensiero finisce qui.
Outing Forzato per Ristabilire la Giustizia nel Paese (?) Reviewed by Gigi Gx on 23:38 Rating: 5

Nessun commento:

All Rights Reserved by il Gì Pensiero © 2014 - 2015
Designed by Themes24x7

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.